Archivi tag: massafra

L’Archeogruppo 1° nel Culture Programme 2010

L’Archeogruppo “E. Jacovelli” o.n.l.u.s. di Massafra, quale partner dell’Università di Firenze, Facoltà di Architettura, Dipartimento di Progettazione dell’Architettura (in veste di capofila) ha presentato a Bruxelles il progetto di cooperazione transnazionale dal titolo “CULTURAL RUPESTRIAN HERITAGE IN THE CIRCUMMEDITERRANEAN AREA: COMMON IDENTITY – NEW PERSPECTIVE” a valere sul Programma CULTURE 2007-2013. In data 12.02.2010 è stata pubblicata la graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento per l’annualità 2010 ed il progetto dell’Archeogruppo è risultato vincitore, 1° classificato in graduatoria, con un punteggio totale pari a 95/100 su 108 ammessi a finanziamento. Punti di forza del progetto sono: partenariato strategico che unisce L’Europa del Sud Est e del Sud Ovest, il dialogo interculturale, l’interdisciplinarietà dei contributi, il dialogo religioso che unisce Islam e Cristianesimo nell’incontro tra Grecia e Turchia, la creatività e le innovazioni, tecnologiche che saranno promosse, la disseminazione dei risultati, l’istituzione di un centro per la documentazione internazionale sul rupestre e della giornata annuale sul rupestre. Continua la lettura di L’Archeogruppo 1° nel Culture Programme 2010

Massafra alla fine del ‘400 e l’allevamento dei cavalli del Re

di Roberto Caprara

Nella serata di martedì 10 novembre si è tenuto il primo di una serie di incontri organizzati dall’Archeogruppo nella propria sede di Massafra. Relatore della serata è stato il prof. Roberto Caprara, il quale ha parlato della Massafra alla fine del XV secolo. La conversazione è l’anticipazione dell’ampio commento di cui l’autore ha corredato l’edizione diplomatica di un codice cartaceo del 1463-64 (sino al XVI secolo nelle terre del Sud già appartenute a Bisanzio, l’anno incominciava quattro mesi prima che nelle altre terre, col primo settembre) redatto dall’Erario regio, il notaio Antonio Caricello, che vi ha annotato le entrate e le uscite sino al 31 agosto del 1464. Sottolineato che Massafra era allora città regia, cioè non dipendente da feudatari e che godeva di eccezionali privilegi fiscali, almeno dal 1419, come si apprende da un documento della regina Giovanna II d’Angiò, l’oratore ha delineato brevemente le vicende della fine della dinastia angioina e quelle della dinastia aragonese, dall’entrata in Napoli, nel 1442 di Alfonso il Magnanimo e conseguente fuga in Francia di Renato d’Angiò, sino all’intervento della Spagna nel 1502 che pose fine al Regno di Napoli, che divenne il “Viceregno” una trascurabile e malgovernata parte dell’Impero spagnolo, intraprendendo un inarrestabile cammino di decadenza sociale e culturale che è la remota origine della Questione Meridionale. Continua la lettura di Massafra alla fine del ‘400 e l’allevamento dei cavalli del Re